Il movimento BDS palestinese: esempio di resistenza civile e non violenta

Il movimento BDS palestinese: esempio di resistenza civile e non violenta

In questi mesi, la bandiera del movimento BDS sventola nei cortei organizzati in tutto il mondo a sostegno della causa palestinese e per denunciare il genocidio perpetrato dall’esercito israeliano a Gaza. Il movimento di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS) nasce ufficialmente nel 2005 a seguito di una chiamata lanciata da numerosi attivisti palestinesi, per chiedere alla società civile internazionale di mettere in atto azioni di boicottaggio, disinvestimenti e sanzioni come forma di pressione non violenta sullo stato israeliano.

La terra del latte e del miele. Dalla colonizzazione delle specie al vegan washing di Israele

La terra del latte e del miele. Dalla colonizzazione delle specie al vegan washing di Israele

di Matilde Cassano e Avana Amadei | Che si tratti di una terra benedetta o maledetta poco importa: la Palestina da ben più di 70 anni ospita le dinamiche più turbolente e disturbanti della storia dei vecchi continenti. Come ben ha espresso Grazia Parolari […]: “la colonizzazione israeliana della Palestina è passata attraverso la produzione animale, la manipolazione e la razzializzazione di questi ultimi fu un’ulteriore pratica tramite cui i coloni espropriarono le terre, ma anche la cultura palestinese”.

Il sostegno tunisino alla causa palestinese

Il sostegno tunisino alla causa palestinese

Il 07 ottobre 2023 rappresenta una data spartiacque nella così detta “questione palestinese” (in arabo “القضية الفلسطينية”). L’operazione “Alluvione al-Aqsa”, lanciata da Hamas in questa data, ha avuto conseguenze e ripercussioni non solo sui territori palestinesi, ma anche sulla società civile di tutto il mondo, che si è mobilitata, con schieramenti e intensità diversi, dalla…

Sovranità alimentare: dove giustizia e cibo si incontrano

Sovranità alimentare: dove giustizia e cibo si incontrano

“Produciamo ciò di cui abbiamo bisogno, consumiamo quello che produciamo”Thomas Sankara La questione della sovranità alimentare è oggi al centro del dibattito sulle strategie da perseguire per assicurare l’accesso al cibo su scala globale e lo sradicamento della fame nel mondo, obiettivi da anni riconosciuti come fondamentali nelle agende di sviluppo globali. Tuttavia, le politiche…

Il fenomeno delle proteste in Iran dal 1979 ad oggi

Il fenomeno delle proteste in Iran dal 1979 ad oggi

di Gaia Facchini | Quando si parla di Iran, il riferimento alle proteste che stanno investendo il paese a seguito della morte della giovane Mahsa Amini è inevitabile. Tuttavia, i disordini popolari di opposizione allo status quo non sono una novità, bensì un fenomeno ricorrente nella storia della Repubblica Islamica Iraniana. Dopo la Rivoluzione del 1979, che ha portato alla caduta del regime di Pahlavi cambiando il volto del paese, l’Iran ha affrontato una serie di proteste che sono divenute un fenomeno ciclico. Inizialmente queste manifestazioni si sono verificate sporadicamente con lunghi intervalli di tempo tra di loro, come ad esempio un periodo di 10 anni tra il 1999 e il 2009, e 8 anni tra il 2009 e il 2017. Tuttavia, negli ultimi anni, a partire dal 2017, le proteste si sono intensificate sia in termini di frequenza che di estensione geografica.

Il Memorandum Italia-Tunisia: le lezioni mai imparate dell’Unione Europea

Il Memorandum Italia-Tunisia: le lezioni mai imparate dell’Unione Europea

Negli ultimi mesi si è sentito sempre più parlare di Tunisia. Un discorso pubblico che è culminato con la firma, a luglio, del Memorandum di Intesa fra Italia e Tunisia. Un momento che, a molti, ha ricordato la firma di un Memorandum simile nel gennaio 2017, ma non a Tunisi, bensì a Tripoli. Tunisi è…

Wadi Rum: quando la terra incontra lo spazio
 | 

Wadi Rum: quando la terra incontra lo spazio

Immaginate che tutto, intorno a voi, sparisca improvvisamente. Non rimane nulla, né costruzioni, né persone, né città immense, ma neanche campagne verdeggianti o montagne innevate. Nulla. Intorno a voi rimane quello che sembra lo scheletro della Terra, l’essenza stessa del nostro pianeta. Non c’è nulla a ergersi sopra al paesaggio, la linea dell’orizzonte è dritta,…

Marocco : le strade come luogo di lavoro

Marocco : le strade come luogo di lavoro

di Alessandra Maronia | Camminando per le strade di Casablanca, o di qualsiasi altra grande città del Marocco, è facile notare come lo spazio pubblico sia concepito e vissuto in maniera peculiare. La strada è l’allungamento della propria casa o il luogo del proprio lavoro. I marciapiedi delle città marocchine, infatti, sono un brulicare di donne, uomini e bambini di tutte le età che vendono merci e offrono servizi che soddisfano più necessità di quante si possa pensare: si possono comprare apparecchi elettronici, vestiti, libri, usato, prodotti da forno; ma ci si può anche pesare con bilance messe a disposizione da anziani che chiedono in cambio un’offerta, oppure, a non mancare mai, sono i bambini che lucidano scarpe agli angoli delle vie principali.

Il lato oscuro di Petra: storia, turismo e diritti umani nel deserto giordano

Il lato oscuro di Petra: storia, turismo e diritti umani nel deserto giordano

I paesaggi giordani hanno sempre incantato registi e scrittori, turisti e viaggiatori, che, imbattendosi nella sinuosità delle sue dune, nella limpidezza delle sue acque, e nella profondità della sua volta celeste hanno deciso di immortalarne le storie e i volti. Dalla turista neozelandese che sposò un beduino di Petra negli anni 80 e divenne famosa…