Articoli

Tutti gli articoli

“Sguardi verso la Siria”: il primo evento di Mediorientiamoci il 4 maggio
Blog

“Sguardi verso la Siria”: il primo evento di Mediorientiamoci il 4 maggio

Sguardi verso la Siria è il primo evento organizzato da Mediorientiamoci. Una conferenza tenuta tra quattro speaker (Giorgia Facchini, Chiara Ricchiuto, Avana Amadei che potete conoscere per Mediorientiamoci, e Raghad Alshikh) che attraverserà le tematiche più rilevanti per la Siria attuale, di cui si parla sempre meno. Dopo una prima panoramica storico-geografica, si analizzerà la situazione…

Jang-e jahani sevom (World War III) di Houman Seyedi: metafinzione su disuguaglianza e cinema
Cinema

Jang-e jahani sevom (World War III) di Houman Seyedi: metafinzione su disuguaglianza e cinema

Film premiato a Venezia nella categoria Orizzonti, World War III di Houman Seyedi è uscito nelle sale in Iran nel 2022.
In questo film, Seyedi usa la metafinzione come strumento di critica all’industria del cinema e alle diseguaglianze sociali: Shakib, il protagonista, si ritrova a lavorare sul set di un film che ripercorrere le atrocità commesse da Hitler nella Seconda Guerra Mondiale.

I giorni neri del Libano: spirali di violenza nella guerra civile
Storia

I giorni neri del Libano: spirali di violenza nella guerra civile

di Matilde Ferreri | La sparatoria del 13 aprile 1975 rappresenta la scintilla che fece scoppiare un fuoco che ardeva già da tempo, fomentato dalle tensioni tra i diversi gruppi religiosi ed etnici presenti nel Paese, che caratterizzano ancora oggi il Libano odierno. Le ostilità furono causate da diversi fattori. 

Shadia Mansour: l’identità palestinese nell’hip hop
Musica Ritratti

Shadia Mansour: l’identità palestinese nell’hip hop

“Our existence today is resistance. We are facing media that misrepresent our people. Not just the Palestinian people but also the Arab people. That’s why we have to preserve everything; it’s a matter of existence”. SHADIA MANSOUR, 2014 Flow serrato su musica hip hop, voce decisa e due trait d’union tra tutti i brani: la…

Il movimento BDS palestinese: esempio di resistenza civile e non violenta
Focus

Il movimento BDS palestinese: esempio di resistenza civile e non violenta

In questi mesi, la bandiera del movimento BDS sventola nei cortei organizzati in tutto il mondo a sostegno della causa palestinese e per denunciare il genocidio perpetrato dall’esercito israeliano a Gaza. Il movimento di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS) nasce ufficialmente nel 2005 a seguito di una chiamata lanciata da numerosi attivisti palestinesi, per chiedere alla società civile internazionale di mettere in atto azioni di boicottaggio, disinvestimenti e sanzioni come forma di pressione non violenta sullo stato israeliano.

La terra del latte e del miele. Dalla colonizzazione delle specie al vegan washing di Israele
Focus

La terra del latte e del miele. Dalla colonizzazione delle specie al vegan washing di Israele

di Matilde Cassano e Avana Amadei | Che si tratti di una terra benedetta o maledetta poco importa: la Palestina da ben più di 70 anni ospita le dinamiche più turbolente e disturbanti della storia dei vecchi continenti. Come ben ha espresso Grazia Parolari […]: “la colonizzazione israeliana della Palestina è passata attraverso la produzione animale, la manipolazione e la razzializzazione di questi ultimi fu un’ulteriore pratica tramite cui i coloni espropriarono le terre, ma anche la cultura palestinese”.

Marocco: anni di piombo
Storia

Marocco: anni di piombo

Il Marocco e i suoi anni di piombo  Durante un arco temporale prolungato, il Marocco è stato teatro di un persistente ricorso alla violenza di stato, violenza che ha coinvolto diverse categorie di individui: dalla resistenza anticoloniale degli anni ’50 e ’60, all’opposizione contro il crescente autoritarismo del neonato stato indipendente, fino agli ufficiali militari…

Io Capitano di Matteo Garrone: tentativi di realtà con un pizzico di magia
Cinema

Io Capitano di Matteo Garrone: tentativi di realtà con un pizzico di magia

A volte si parla di Matteo Garrone come di un regista del realismo magico contemporaneo, visionario e impavido ma in Io Capitano a parte qualche accenno di forzata magia anche di realtà, intesa come vera e cruda e quindi non tratteggiata a mero scopo descrittivo per seguire il filo del racconto, il film sembra esserne carente….

Fairuz, l’ultima diva della musica araba
Musica Ritratti

Fairuz, l’ultima diva della musica araba

Quando, a seguito dell’esplosione al porto di Beirut, il presidente francese Emmanuel Macron si recò in visita in Libano decise di dedicare alcuni momenti alla visita di un’anziana signora che viveva a nord di Beirut, a Rabieh. La foto di quell’incontro, in una casa accogliente ma non sfarzosa, fece il giro di tutto il mondo….

Il sostegno tunisino alla causa palestinese
Focus

Il sostegno tunisino alla causa palestinese

Il 07 ottobre 2023 rappresenta una data spartiacque nella così detta “questione palestinese” (in arabo “القضية الفلسطينية”). L’operazione “Alluvione al-Aqsa”, lanciata da Hamas in questa data, ha avuto conseguenze e ripercussioni non solo sui territori palestinesi, ma anche sulla società civile di tutto il mondo, che si è mobilitata, con schieramenti e intensità diversi, dalla…

Sovranità alimentare: dove giustizia e cibo si incontrano
Focus

Sovranità alimentare: dove giustizia e cibo si incontrano

“Produciamo ciò di cui abbiamo bisogno, consumiamo quello che produciamo”Thomas Sankara La questione della sovranità alimentare è oggi al centro del dibattito sulle strategie da perseguire per assicurare l’accesso al cibo su scala globale e lo sradicamento della fame nel mondo, obiettivi da anni riconosciuti come fondamentali nelle agende di sviluppo globali. Tuttavia, le politiche…

Il fenomeno delle proteste in Iran dal 1979 ad oggi
Focus

Il fenomeno delle proteste in Iran dal 1979 ad oggi

di Gaia Facchini | Quando si parla di Iran, il riferimento alle proteste che stanno investendo il paese a seguito della morte della giovane Mahsa Amini è inevitabile. Tuttavia, i disordini popolari di opposizione allo status quo non sono una novità, bensì un fenomeno ricorrente nella storia della Repubblica Islamica Iraniana. Dopo la Rivoluzione del 1979, che ha portato alla caduta del regime di Pahlavi cambiando il volto del paese, l’Iran ha affrontato una serie di proteste che sono divenute un fenomeno ciclico. Inizialmente queste manifestazioni si sono verificate sporadicamente con lunghi intervalli di tempo tra di loro, come ad esempio un periodo di 10 anni tra il 1999 e il 2009, e 8 anni tra il 2009 e il 2017. Tuttavia, negli ultimi anni, a partire dal 2017, le proteste si sono intensificate sia in termini di frequenza che di estensione geografica.

Mustang, la voce femminile alle redini della libertà
Cinema

Mustang, la voce femminile alle redini della libertà

Mustang: «piccolo cavallo selvatico delle praterie americane (…) dallo spagnolo messicano mestengo, animale che si perde, si smarrisce, selvaggio, randagio, senza padrone». Sarebbe questa, in parte, l’etimologia della parola che dà titolo al primo film della regista turca Deniz Gamze Ergüven. nUscito nelle sale nel 2015, Mustang, ha ricevuto varie nomination come quella di Miglior…

Il Memorandum Italia-Tunisia: le lezioni mai imparate dell’Unione Europea
Focus

Il Memorandum Italia-Tunisia: le lezioni mai imparate dell’Unione Europea

Negli ultimi mesi si è sentito sempre più parlare di Tunisia. Un discorso pubblico che è culminato con la firma, a luglio, del Memorandum di Intesa fra Italia e Tunisia. Un momento che, a molti, ha ricordato la firma di un Memorandum simile nel gennaio 2017, ma non a Tunisi, bensì a Tripoli. Tunisi è…

Tra l’Iraq e la Svizzera: l’identità raccontata da Usama Al Shahmani
Letteratura

Tra l’Iraq e la Svizzera: l’identità raccontata da Usama Al Shahmani

“In terra straniera gli alberi parlano arabo” è un libro di Usama Al Shahmani pubblicato nel 2021, redatto originalmente in lingua tedesca. In un racconto che si mischia parzialmente con l’esperienza personale, in “In terra straniera gli alberi parlano arabo” Usama Al Shahmani segue la storia del protagonista, che porta il suo stesso nome, nel…

Il cinema turco: storia del “Verde pino”
Cinema

Il cinema turco: storia del “Verde pino”

Il cinema turco, Türk sineması, è oggi un importante strumento di soft power che grazie ai suoi prodotti, spesso di dubbia se non scadente qualità, contribuisce a diffondere la cultura turca oltre i confini dello stato. Dai Balcani all’Est Europa, passando per il mondo arabo e in misura minore attraverso le altre aree geografiche del…

I triangoli Bir Tawil e Hala’ib
Storia

I triangoli Bir Tawil e Hala’ib

Quando la frontiera produce l’ambìto e l’indesiderato In un momento in cui parlare del Sudan significa parlare di guerra, vogliamo provare a spostare lo sguardo e raccontarvi qualcosa su un paese che spesso sembra diventare interessante solo quando c’è qualcosa di drammatico da comunicare. Certo, è importante parlare e informarsi su ciò che accade, ma…

Una navicella spaziale verso l’ignoto: Hit the road di Panah Panahi
Cinema

Una navicella spaziale verso l’ignoto: Hit the road di Panah Panahi

«Quale credi sia il film migliore del mondo?» chiede Pantea Panahiha, l’attrice che interpreta la madre, al figlio maggiore Farid (Amin Simiar). Lui risponde, dopo averci pensato un po’ su: «2001: Odissea nello spazio» perché «ti porta nella profondità della galassia». Questo è solo uno dei tanti accenni ed elogi che fa Hit the road…

Il cinema libanese: storia di un’industria a singhiozzi
Cinema

Il cinema libanese: storia di un’industria a singhiozzi

Il cinema libanese ha oltre cento anni, la sua storia, tuttavia, ha visto sia momenti di grande floridità che momenti di estrema cupezza: il Paese dei Cedri infatti, ha subito e si è reso protagonista di alcune delle pagine più importanti della storia del Novecento. Proprio per questo il suo cinema è stato fortemente condizionato…

Wadi Rum: quando la terra incontra lo spazio
Focus Geografia

Wadi Rum: quando la terra incontra lo spazio

Immaginate che tutto, intorno a voi, sparisca improvvisamente. Non rimane nulla, né costruzioni, né persone, né città immense, ma neanche campagne verdeggianti o montagne innevate. Nulla. Intorno a voi rimane quello che sembra lo scheletro della Terra, l’essenza stessa del nostro pianeta. Non c’è nulla a ergersi sopra al paesaggio, la linea dell’orizzonte è dritta,…

Un Mediterraneo fa: corsari del Maghreb e schiavi europei
Storia

Un Mediterraneo fa: corsari del Maghreb e schiavi europei

Se ad oggi il Mediterraneo è un mare di incertezze e pericolo per molte persone provenienti dal continente africano e dal Medio Oriente, tra il XVI e il XVIII secolo è stato un’importante e certa fonte di ricchezza per i corsari del Maghreb, definiti dalla storiografia i “corsari barbareschi”. All’arrembaggio Nel XV secolo, le economie…

Energie rinnovabili: verso un colonialismo energetico in Nord Africa?
Geografia

Energie rinnovabili: verso un colonialismo energetico in Nord Africa?

di Mariateresa Natuzzi | Il 26 aprile l’Egitto ha annunciato l’inizio dei lavori per la realizzazione del nuovo progetto di energia solare Fares: con i suoi 500 megawatt di capacità, la centrale è destinata a diventare il più grande impianto di energia solare in Africa. Fares si troverà all’interno del governatorato di Aswan, una zona in cui il tasso di povertà supera il 60% e in cui è già presente il Benban Solar Park, la quarta centrale fotovoltaica più grande al mondo. Secondo quanto affermato dalle autorità egiziane, durante il periodo di costruzione saranno creati 2000 posti di lavoro.

Il cinema palestinese: storia di un’industria che resiste
Cinema

Il cinema palestinese: storia di un’industria che resiste

Se dovessimo comparare la profondità storica del cinema palestinese con quella di altri paesi del mondo arabo, sicuramente il cinema palestinese non sarebbe annoverato tra i più storici della regione. Tuttavia, quella del cinema palestinese è una storia di resistenza e capacità di trarre dal dramma la migliore arte possibile. Per questo motivo, abbiamo deciso…

Abie Nathan: l’impresa per la pace
Ritratti

Abie Nathan: l’impresa per la pace

“I will personally act to promote peace between Israel and its neighbors’ by flying to Egypt to talk with Nasser and ‘break the ice’”. Questa frase non è stata pronunciata nel contesto di un importante vertice internazionale, ma bensì dall’aviatore, ristoratore e attivista pacifista israeliano Abie Nathan. Un “uomo comune” che tra gli anni ‘60…

Il thriller che non lascia nulla in sospeso: Holy Spider di Ali Abbasi
Cinema

Il thriller che non lascia nulla in sospeso: Holy Spider di Ali Abbasi

Holy Spider è un film di cui scrivere una recensione o una critica non è semplice. Anche lo spettatore che difende questo film a spada tratta ammetterebbe la presenza di un problema di fondo. Le ragioni che lo rendono interessante per alcuni sono le stesse che provocano il rifiuto per altri. Ali Abbasi, cineasta danese…

Marocco : le strade come luogo di lavoro
Focus

Marocco : le strade come luogo di lavoro

di Alessandra Maronia | Camminando per le strade di Casablanca, o di qualsiasi altra grande città del Marocco, è facile notare come lo spazio pubblico sia concepito e vissuto in maniera peculiare. La strada è l’allungamento della propria casa o il luogo del proprio lavoro. I marciapiedi delle città marocchine, infatti, sono un brulicare di donne, uomini e bambini di tutte le età che vendono merci e offrono servizi che soddisfano più necessità di quante si possa pensare: si possono comprare apparecchi elettronici, vestiti, libri, usato, prodotti da forno; ma ci si può anche pesare con bilance messe a disposizione da anziani che chiedono in cambio un’offerta, oppure, a non mancare mai, sono i bambini che lucidano scarpe agli angoli delle vie principali.

Il lato oscuro di Petra: storia, turismo e diritti umani nel deserto giordano
Focus

Il lato oscuro di Petra: storia, turismo e diritti umani nel deserto giordano

I paesaggi giordani hanno sempre incantato registi e scrittori, turisti e viaggiatori, che, imbattendosi nella sinuosità delle sue dune, nella limpidezza delle sue acque, e nella profondità della sua volta celeste hanno deciso di immortalarne le storie e i volti. Dalla turista neozelandese che sposò un beduino di Petra negli anni 80 e divenne famosa…

Le Mille e una notte: raccontare per (soprav)vivere
Letteratura

Le Mille e una notte: raccontare per (soprav)vivere

الف ليلة و ليلة Arabian nights. Le mils et une nuit. O “Le Mille e una notte”, come le conosciamo noi. Ma le conosciamo veramente? Sappiamo da dove provengono, che cosa sono, che cosa sono o meglio, cos’erano e di cosa trattano? Ad oggi forse è più il titolo ad avere risonanza piuttosto che la…

Dirty Difficult Dangerous : un film libanese, mediterraneo o universale?
Cinema

Dirty Difficult Dangerous : un film libanese, mediterraneo o universale?

Dirty Difficult Dangerous è il secondo lungometraggio del regista di origine libanese Wissam Charaf. In linea con la sua prima produzione Caduto dal cielo (2016), le tematiche trattate restano legate a una dinamica di denuncia delle ingiustizie sociali, ma in questo secondo film Charaf cambia i toni, dimostrandosi capace di presentarle in un modo nuovo,…

Habibi Funk: selezioni eclettiche dal mondo arabo
Musica

Habibi Funk: selezioni eclettiche dal mondo arabo

I brani che sentite qui sopra fanno parte di uno dei numerosi mix editi da Habibi Funk. Habibi Funk è un’etichetta discografica che, al contrario di quanto il nome possa far pensare, ha sede a Berlino, in Germania. Habibi Funk è una sotto-etichetta (un’etichetta minore che dipende da un’etichetta più grande) di Jakarta Records, fondata…

No bears: gli orsi non esistono. Il confine autobiografico di Jafar Panahi
Cinema

No bears: gli orsi non esistono. Il confine autobiografico di Jafar Panahi

Era settembre 2022 e Jafar Panahi lasciava l’ennesima sedia vuota ad un Festival di cinema. A Venezia le proteste per il suo arresto sfilavano al Lido sorrette in cartelloni super size dagli attori presenti: «Release Jafar Panahi!» dicevano. Questa storia, purtroppo, non ci è nuova, tanto che sembra essere diventata parte di una biografia, quella…

Olio di Argan e Argania spinosa: l’oro del Marocco e non solo
Focus

Olio di Argan e Argania spinosa: l’oro del Marocco e non solo

La maggior parte (ri)conoscerà questa bizzarra e assurda foto di numerose capre sull’albero e le domande che vi saranno sorte spontanee sono: «La foto è autentica?» ma sopratutto, «Cosa mai ci fanno delle capre sull’albero?». Bene, le rispettive risposte sono: sì, è tutto vero, la foto non è modificata a computer e sì, le capre…

Il gioco di De Niro – Un’occasione persa e una bromance mancata
Cinema

Il gioco di De Niro – Un’occasione persa e una bromance mancata

Nel cinema esiste un filone narrativo che va da Novecento di Bernardo Bertolucci a Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino, passando per I segreti di Brokeback Mountain di Ang Lee. I film precedentemente citati sono tutti estremamente diversi e compararli tra loro appare come un esercizio di stile quanto mai azzardato. Tuttavia, seppur differenti,…

Quando ti ho visto – il ritorno, oggetto della partenza
Cinema

Quando ti ho visto – il ritorno, oggetto della partenza

Autrice stringata ma di tutto rispetto, Annemarie Jacir è tra i migliori registi palestinesi contemporanei. Divenuta famosa per essere stata la prima regista donna palestinese ad aver diretto un lungometraggio, lo splendido Il sale di questo mare, col suo secondo film, dal titolo Quando ti ho visto, conferma il suo immenso talento e la sua…

Zaha Hadid: pioniera del decostruttivismo architettonico
Ritratti

Zaha Hadid: pioniera del decostruttivismo architettonico

Forme curve che trasmettono l’idea della fluidità e del movimento. Queste sono le prime impressioni che inevitabilmente sorgono alla mente quando si osservano le opere dell’architetta Zaha Hadid. Il termine archistar, come afferma Treccani, è un neologismo creato nel XXI secolo per riferirsi ad architetti a cui il calibro mediatico ha conferito le caratteristiche di…

Simone Bitton: regista del Mediterraneo
Cinema Ritratti

Simone Bitton: regista del Mediterraneo

di Giulia Rizzotti | Durante il Festival del Cinema Mediterraneo (CINEMED) di Montpellier, abbiamo avuto l’occasione di conoscere il lavoro della regista Simone Bitton, documentarista eclettica, nominata in numerosi festival di cinema internazionali e vincitrice del Gran Premio della Competizione Internazionale di Marsiglia, nel 2004. Nata in Marocco da una famiglia ebrea, a undici anni si trasferisce in Israele per poi spostarsi temporaneamente a Parigi per studiare cinema all’IDHEC. Sarà l’esperienza come soldatessa durante la guerra dello Yom Kippur nel 1973 a renderla indelebilmente pacifista e a farle decidere di lasciare il Paese per la Francia.

Musica Gnawa: tra radici e sperimentazioni
Musica

Musica Gnawa: tra radici e sperimentazioni

Se a conclusione di un tour nel deserto marocchino di Merzouga, quasi al confine con l’Algeria, vi ritrovaste seduti in una casa di un piccolo villaggio, probabilmente stareste per ascoltare ed assistere ad una performance di musica e danza Gnawa. Questo spettacolo, inserito nella maggior parte dei tour organizzati come alternativa alla traversata a bordo…

Le strategie turche in un Mediterraneo sempre più conteso
Geografia

Le strategie turche in un Mediterraneo sempre più conteso

di Beatrice Ala | La Turchia è nuovamente al centro della scena internazionale e si propone come attiva protagonista della competizione geopolitica nel Mediterraneo. Le acque del Mediterraneo orientale sono più che mai agitate: la scoperta di nuovi giacimenti di gas naturale sta spingendo gli stati a un complicato gioco strategico per aggiudicarsi le porzioni migliori. L’ultima manovra si è concretizzata nell’accordo preliminare tra Libia e Turchia per l’esplorazione di idrocarburi, firmato a Tripoli lo scorso 3 ottobre e inquadrato nel precedente memorandum d’intesa del 2019. Ankara ha infatti firmato con il Governo di Unità Nazionale libico (GNU), guidato da Abdul Hamid Dbeibeh, un accordo che definisce i termini di una cooperazione marittima utile a garantire la partecipazione nell’utilizzo delle risorse a largo del Mediterraneo. La Turchia di Erdogan avrebbe così la possibilità di esplorare le acque libiche e di sfruttarne le risorse in cooperazione con le compagnie libiche.

Le radici del diritto islamico
Etimologie Focus

Le radici del diritto islamico

Avete mai sentito parlare di sharia (شريعة) ? Immagino che la maggior parte di voi associ questo termine alla legge islamica. Non è del tutto scorretto, tuttavia è necessario discostarci dal significato attribuitegli dai media occidentali. Quando più in generale si parla di diritto islamico è importante considerare che la Sharia, la quale significa “via”…

I fiori di Kirkuk – Una storia d’amore nell’Iraq di Saddam Hussein
Cinema

I fiori di Kirkuk – Una storia d’amore nell’Iraq di Saddam Hussein

I fiori di Kirkuk è quasi certamente il film di un regista curdo più conosciuto in Italia, Fariborz Kamkari, purtroppo però non è un gran film. Un lungometraggio con una trama in stile Venuto al mondo ma con meno cuore, minor capacità emotiva e una storia scritta attraverso un peccato originale nei primi cinque minuti…

Qatar 2022, il lato nascosto dei Mondiali
Focus

Qatar 2022, il lato nascosto dei Mondiali

La data d’inizio dei Mondiali di calcio 2022 che avrà sede in Qatar è prevista per il 20 novembre. Nonostante manchino pochi giorni al fischio d’inizio il tema dei diritti umani continua a restare al centro del dibattito e dell’attenzione pubblica. Si denuncia soprattutto il mancato rispetto delle tutele dei lavoratori coinvolti nell’organizzazione dell’atteso evento…

MO: la tragicomica vita di un palestinese a Houston
Cinema

MO: la tragicomica vita di un palestinese a Houston

Lo stand-up Comedian Mohammed “Mo” Amer produce e interpreta il ruolo principale in una tragedia dalle tinte comiche (o viceversa). Una serie capace di sorprenderti ed essere banale allo stesso tempo, una serie sul multiculturalismo, il senso di appartenenza e la disillusione verso le autorità. La serie è ambientata in Texas, scelta non casuale, patria…

L’obiezione di coscienza al servizio militare: i refusenik israeliani
Focus

L’obiezione di coscienza al servizio militare: i refusenik israeliani

di Ilaria Licitra | La società israeliana è stata, fin dalle origini, un microcosmo eterogeneo, non solo per la più comune distinzione che si compie tra ebrei, palestinesi e (a volte) drusi. Anche all’interno del mondo ebraico si assiste a una diversità sorprendente: askhenaziti, mizrahim, ebrei laici, ebrei religiosi, ebrei ortodossi ‘moderni’, ebrei ultraortodossi, sono termini che delineano l’eterogeneità israeliana lungo linee etniche e religiose.

La calligrafia araba: non solo scrittura sacra ma arte a tutto tondo
Arte

La calligrafia araba: non solo scrittura sacra ma arte a tutto tondo

La calligrafia araba: “l’arte suprema e sublime dell’Islam” Dall’Albaicín di Granada dove persone per strada scrivono il tuo nome in arabo al costo di un euro alle incisioni sui monumenti e sugli edifici, la calligrafia araba è da sempre protagonista indiscussa dell’arte araba e islamica in tutte le sue forme: dalla letteratura alla pittura, dalla…

Il cibo israeliano come riflesso della cultura culinaria palestinese
Focus

Il cibo israeliano come riflesso della cultura culinaria palestinese

Il cibo è parte fondamentale della nostra quotidianità. Come mangiamo, cosa scegliamo di mangiare, con chi decidiamo di mangiare e come percepiamo il cibo sono strumenti attraverso i quali possiamo definire e rivendicare la nostra identità. Per questo, lo studio della cultura culinaria di un paese può dirci tanto sulla sua storia e sulle tradizioni…

Dunya Mikhail: la poesia dell’esilio
Letteratura Ritratti

Dunya Mikhail: la poesia dell’esilio

“Se qualcuno lo trovame lo restituisca.È il mio paese.Andavo di frettaieri quando l’ho perso” Andavo di fretta, dunya mikhail L’estratto qui riportato è parte del componimento ‘Andavo di fretta‘, contenuto nella raccolta La guerra lavora duro della poetessa Dunya Mikhail. Caratterizzata da un tono quasi infantile, la poesia affronta con apparente leggerezza una delle tante…

HCHOUMA 3LIK! : Il tabù nel Maghreb
Focus

HCHOUMA 3LIK! : Il tabù nel Maghreb

di Giulia Rizzotti | La hchouma o hshouma è un concetto diffuso nella regione maghrebina per indicare un comportamento considerato impudico socialmente. In italiano si potrebbe tradurre con “tabù” o “vergogna”, ma in realtà trova un significato e un utilizzo molto più ampi, ricomprendo una serie indefinita e quotidiana di situazioni e condotte. Insieme a interdizioni, sguardi e gesti di disapprovazione, la hchouma si concretizza nell’assenza di conversazione attorno a certi temi, essendo uno strumento utilizzato per arrestare una conversazione che copre soggetti di cui non si può parlare. È questo il caso, nel Maghreb, come sulle altre sponde del Mediterraneo, della sfera sessuale e del genere.

Italia-Algeria e l’accordo sul gas
Storia

Italia-Algeria e l’accordo sul gas

Nonostante le pesanti sanzioni imposte al Cremlino in seguito all’invasione russa dell’Ucraina, la posizione di Putin sembra essere così forte da poter rinunciare al mercato europeo e permettersi di chiudere a tempo indeterminato il gasdotto Nord Stream 1, principale collegamento che trasporta gas naturale dalla Russia all’Europa. Per tale motivo da diverse settimane i principali…

Il sentiero delle babbucce gialle: la fiaba identitaria, in cerca di libertà, di Kader Abdolah
Letteratura

Il sentiero delle babbucce gialle: la fiaba identitaria, in cerca di libertà, di Kader Abdolah

Il sentiero delle babbucce gialle di Kader Abdolah è un romanzo edito da Iperborea, pubblicato nel 2020, che racconta la storia di Sultan Farahangi, un regista iraniano che perseguitato dal regime dello scià prima e da quello di Khomeini, poi, trova la salvezza trasferendosi in Olanda. Vi è un narratore esterno alla storia che funge…

Il sale di questo mare – Tragedia e ribellione in Palestina
Cinema

Il sale di questo mare – Tragedia e ribellione in Palestina

Annemarie Jacir, al suo debutto, confeziona Il sale di questo mare, un film di tutto rispetto, un film sulla drammaticità del ritorno ben sceneggiato e in grado di raccontare abilmente il senso di alienazione, in tutte le sue sfaccettature. Soraya, ragazza di origini palestinesi ma residente a Brooklyn, decide di tornare nella terra dei suoi…

Il punto di svolta dell’11/09/01 – Parte 1
Storia

Il punto di svolta dell’11/09/01 – Parte 1

Il contesto, l’attacco e le sue conseguenze Le prospettive con cui si potrebbero approcciare gli eventi dell’11 settembre 2001 sono molteplici: un’analisi storica di cause e conseguenze, uno studio su Al Qaeda e sulla radicalizzazione, piuttosto che una riflessione critica sulle reazioni della politica estera americana e in senso lato ‘occidentale’. Altri spunti potrebbero partire…

Juliana Seraphim: un mondo al femminile
Arte Ritratti

Juliana Seraphim: un mondo al femminile

Tondeggianti, armoniose, floreali, rosate. Questi sono i primi aggettivi che giungono alla mente quando si osservano le opere dell’artista palestinese Juliana Seraphim.Attraverso la figura della donna, soggetto centrale nei suoi dipinti, raffigura il concetto di femminilità. L’identità femminile viene esasperata, tanto che le donne assumono sembianze divine. Sembra che l’artista voglia creare un cosmo in…

HOLY QUARTER: petrolio, passato, presente e futuro nell’arte di Monira Al Qadiri
Arte Ritratti

HOLY QUARTER: petrolio, passato, presente e futuro nell’arte di Monira Al Qadiri

A maggio abbiamo avuto l’opportunità di visitare l’esposizione Holy Quarter, dell’artista kuwaitiana Monira al Qadiri, presso il museo Guggenheim di Bilbao, in Spagna. L’esposizione è durata dal 10 marzo al 12 giugno, ma se l’artista risveglia il vostro interesse sappiate che la sua The Milk of Dreams è attualmente esposta alla Biennale di Venezia fino…

Il sapore della censura: una storia di cinema iraniano
Cinema

Il sapore della censura: una storia di cinema iraniano

La storia della censura iraniana è una delle più ricorrenti e più famose in ambito cinematografico, nonostante continui ad avere un volto mutevole e un carattere volubile il suo risultato è paragonabile ad un’assenza assordante ma densa: quella dei registi, vincitori invisibili, a cui negli ultimi decenni è stato vietato di lasciare il paese per…

Il richiamo alla preghiera: dall’alto del minareto all’applicazione sul cellulare
Storia

Il richiamo alla preghiera: dall’alto del minareto all’applicazione sul cellulare

«Allāhu al-akbar, (x4) Ašh-hadu an lā ilāha illa Allāh (x2) Ašh-hadu an Muhammad rasūl Allāh, (x2) Hayya alā as-salah, (x2) As-salātu khairun min an-naum, (x2)* Allāhu al-akbar, (x2) La ilaha illa Allāh.» Allah è il più grande, (x4) Testimonio che non vi è dio all’infuori di Allah (x2) Testimonio che Maometto è il Profeta di…

La regione MENA e la sua crisi climatica
Geografia

La regione MENA e la sua crisi climatica

Se è vero che i cambiamenti climatici hanno da sempre interessato la storia del Pianeta Terra, quello a cui assistiamo da circa 150 anni si distacca dal corso naturale delle cose e viene definito “effetto serra antropico”, ovvero causato dall’uomo: dopo la Rivoluzione Industriale ogni anno milioni di tonnellate di anidride carbonica e gas serra…

Footballization: uno sguardo sui campi profughi libanesi
Cinema

Footballization: uno sguardo sui campi profughi libanesi

Le attività sportive come fenomeno di socializzazione politica, sono un tema di ricerca molto sviluppato. Infatti, nel contesto mediorientale i club di calcio sono dei luoghi dove si sviluppano relazioni caratterizzate da risvolti identitari politici molto forti.Questi contesti sociali riproducono in scala minore alcune dinamiche politiche, perciò, l’analisi antropologica di queste realtà, ci permette di…

Adù, di Salvador Calvo: la realtà scomoda della violazione dei diritti umani alle frontiere
Cinema

Adù, di Salvador Calvo: la realtà scomoda della violazione dei diritti umani alle frontiere

In giorni come questi in cui le notizie popolano i social e si può facilmente accedere ad ognuna di queste senza difficoltà, notiamo come sia rimasta nell’ombra la strage dei migranti a Melilla (Spagna) avvenuta tra venerdì 25 e sabato 26 giugno. Ancora una volta i media italiani sembrano toccare questi fatti come fossero d’importanza…

Il fumetto in Medio Oriente e Nord Africa
Arte Letteratura

Il fumetto in Medio Oriente e Nord Africa

La parola fumetto è forse uno dei termini che più raramente compare all’interno dei discorsi sulle pratiche artistiche, in Italia così come all’estero. Considerato da molti come un semplice genere pseudo-letterario dedicato ai bambini, il fumetto viene difficilmente riconosciuto nell’immaginario comune come un’arte a tutto tondo, a dispetto della fervente attività creativa che lo circonda…

Le miracle du Saint Inconnu: superstizione e noia nel deserto marocchino
Cinema

Le miracle du Saint Inconnu: superstizione e noia nel deserto marocchino

Eddine Aljem, al suo primo film da regista, si cimenta con questa commedia raffinata si e pone una domanda: cosa succede se la fede diventa superstizione? Il cinismo con cui risponde attraverso i propri personaggi è disarmante. La storia è quella di un villaggio sorto nel deserto marocchino attorno al mausoleo di un Santo Sconosciuto….

“Contro un mondo senza amore”: in viaggio verso la resistenza
Letteratura

“Contro un mondo senza amore”: in viaggio verso la resistenza

Come sempre Susan Abulhawa ci porta in un mondo femminile e prospero, ricco di risorse, di forza, di coraggio, di paure e dolori che invadono la pagina.Le donne della storia si rendono protagoniste di un dolore che le vorrebbe vittime e che invece le rende sempre più padrone del proprio destino.Nahr, fiume, scorre fra le…

Sufra Kitchen: Alla scoperta del cibo mediorientale
Focus

Sufra Kitchen: Alla scoperta del cibo mediorientale

“La storia di un paese è scritta nel suo cibo”. È con questa frase che esordisce Annia Ciezgado all’interno del suo celebre romanzo “I giorni del miele e dello zenzero”. Il cibo non è solo nutrimento, è tradizione, gusto, condivisione, scoperta, ma soprattutto è uno strumento fondamentale per la definizione identitaria. Attraverso il cibo possiamo…

This is my land… Hebron: testimonianze non oscurate
Cinema

This is my land… Hebron: testimonianze non oscurate

Era il 1968 quando dopo la Guerra dei sei giorni, terminata con la vittoria di Israele, i coloni iniziarono ad occupare sempre più territori: alcuni di questi si insediarono ad Al-Khalil (Hebron) luogo considerato sacro dalle comunità cristiane, ebraiche e musulmane poiché città in cui fu sepolto Abramo, a cui fa riferimento il nome che…

Le isole artificiali di Dubai: tra urbanizzazione e tensione all’impossibile
Focus Geografia

Le isole artificiali di Dubai: tra urbanizzazione e tensione all’impossibile

Dubai ha vissuto nel corso dell’ultimo secolo e specialmente degli ultimi vent’anni una crescita fuori dal comune.La storia dell’emirato-città, esistente da secoli ma che ha cominciato a svilupparsi in maniera consistente a partire dagli anni ’70 (trovate qui un approfondimento sulla storia degli Emirati Arabi Uniti), vede insieme al suo sviluppo anche un picco nella…

Melilla: frammenti di Unione Europea in Africa
Focus

Melilla: frammenti di Unione Europea in Africa

Introduzione Melilla, insieme a Ceuta, costituisce il solo confine terreno fra la Spagna e il Marocco. Di conseguenza, si tratta del solo confine terrestre tra Europa e Africa, o ancora fra Unione Europea e Africa. La molteplice identità di questo confine, la sua particolare posizione strategica sul Mediterraneo, l’unicità della storia delle due città autonome…

Ebrei d’Oriente, Arabi Ebrei o Mizrahim: ai margini della storia e del presente
Storia

Ebrei d’Oriente, Arabi Ebrei o Mizrahim: ai margini della storia e del presente

Quando si parla di diaspora ebraica, creazione dello stato di Israele, sionismo e conflitto israelo-palestinese molto spesso si parte dal presupposto che il cosi detto ‘popolo ebraico’ sia un’entità omogenea, immutata nel corso dei secoli e impermeabile alle influenze esterne. Come se la diaspora ebraica iniziata sotto l’impero romano avesse spostato solo geograficamente un popolo…

Arte araba: lo scenario contemporaneo
Arte

Arte araba: lo scenario contemporaneo

Quando si parla di arte araba, si pensa spesso ad arabeschi, ornamenti e calligrafia. Attraverso le opere di artisti arabi contemporanei ci si distacca dall’immaginario comune, viaggiando attraverso un’arte fortemente sperimentale da un lato, e restando attaccati alle tradizioni dall’altro. Spesso guidati da un forte impegno sociale, nel corso del ventunesimo secolo gli artisti arabi…

Flee: una fuga intima e disarmante nel film capolavoro di Jonas Poher Rasmussen
Cinema

Flee: una fuga intima e disarmante nel film capolavoro di Jonas Poher Rasmussen

Flee, “fuggire”: scappare da guerre, persecuzioni, fame, morte ma anche fuggire da un passato che diventa trauma e si fa bugia, sepolta, nascosta in un abisso di ingiustizie. Fuga: un tema attualissimo di cui narra il regista danese Jonas Poher Rasmussen, attraverso la storia dell’amico Amin Nawabi, in un film d’animazione che s’intreccia sapientemente a…

Persepolis: Marjane Satrapi disegna la sua storia e quella dell’Iran
Letteratura

Persepolis: Marjane Satrapi disegna la sua storia e quella dell’Iran

Persepolis, un fumetto autobiografico pubblicato agli inizi degli anni 2000 in Francia e suddiviso in quattro parti e trentanove capitoli. In esso, l’autrice iraniana Marjane Satrapi illustra la propria gioventù in uno dei periodi più significativi della storia dell’Iran: la Repubblica islamica, proclamata tra il 30 e il 31 Marzo del 1979 e che esiste…

Italia e Libia: un’amicizia storica
Storia

Italia e Libia: un’amicizia storica

Sono tanti i motivi che legano l’Italia alla Libia, a partire dal 1881: la Francia occupa la Tunisia, paese con cui l’Italia aveva stretto accordi che annunciavano una possibile colonizzazione, ma “lo schiaffo francese” di Tunisi spinse la Penisola a tentare le sue conquiste più ad est. Era il 1911 quando le truppe italiane sbarcarono…

Leila Khaled: il volto femminile della resistenza palestinese
Ritratti

Leila Khaled: il volto femminile della resistenza palestinese

Quando si parla di movimenti di liberazione nazionale nel dibattito pubblico non si evidenzia quasi mai l’importanza del ruolo delle donne. Solo recentemente la storiografia ha iniziato a mettere in luce il contributo delle donne partigiane nelle lotte indipendentiste e di liberazione dall’oppressore, soprattutto in Italia e Spagna. Tuttavia, per quanto riguarda il dibattito politico…

For Sama: la vita di madre e figlia sotto le bombe di Aleppo
Cinema

For Sama: la vita di madre e figlia sotto le bombe di Aleppo

Vidi questo film nel febbraio 2019: erano presenti molte persone in sala, soprattutto donne. Ricordo che a metà proiezione la persona accanto a me si alzò e se ne andò: avevamo appena assistito ad un’immagine molto potente, di un’ingiustizia inaudita e a proteggerci da quello schermo non vi era nessun patto di sospensione dell’incredulità, perché…

Emirati Arabi Uniti: un astro nascente nello scenario internazionale
Geografia Storia

Emirati Arabi Uniti: un astro nascente nello scenario internazionale

Expo 2020 Dubai, Abu Dhabi Economic Vision 2030, l’incremento del turismo e dell’internazionalizzazione degli Emirati Arabi attraverso una sempre più estesa apertura verso l’Occidente: gli Emirati Arabi Uniti appaiono ormai come un astro nascente nella scena internazionale, grazie alla crescita economica affrontata negli ultimi vent’anni. Ma da dove nasce la prosperità che ha reso celebre…

Raouf Rifai: un riflesso del Medio Oriente
Arte Ritratti

Raouf Rifai: un riflesso del Medio Oriente

Le opere di Raouf Rifai sono un’esplosione di colori accesi, di forme dinamiche, effimere, difficili da catturare e da comprendere. Raouf è un’artista libanese nato nel 1954 che attualmente insegna arte presso il dipartimento di architettura e design dell’università libanese di Beirut. Le sue opere, come possiamo leggere dal sito web, si configurano come uno…

Return to Homs: la strada senza ritorno della guerra civile siriana
Cinema

Return to Homs: la strada senza ritorno della guerra civile siriana

Return to Homs di Talal Derki è un documentario girato tra il 2011 e il 2013 in Siria: segue il viaggio di due amici le cui vite sono state travolte dalla guerra civile. Abdul Baset al-Sarut è il portiere della nazionale giovanile siriana di calcio che a soli diciannove anni diventa leader della rivoluzione; Osama…

Il canto della rivoluzione di Abdul Baset al-Sarut
Ritratti

Il canto della rivoluzione di Abdul Baset al-Sarut

For the sake of your eyes HomsWe pledge our soulsWith clasped hands we hold onto youAlleviating the wound Queste sono alcune delle frasi che compongono uno dei tanti canti intonati da Abdul Baset al-Sarut per raccontare la rivoluzione, per invocare la protezione sui combattenti, per celebrare la sua città in rovina. Calciatore, cantante, rivoluzionario e…

Captagon: il narcostato siriano
Focus

Captagon: il narcostato siriano

Nel luglio 2020, la Guardia di Finanza di Napoli festeggiava il completamento di una grande operazione antidroga. Un tweet trionfante dichiarava il sequestro di “84 milioni di pasticche prodotte in #Siria da ISIS/DAESH per finanziare il terrorismo.” Le forze dell’ordine italiane avevano sequestrato 14 tonnellate di metanfetamine, portando a termine la più vasta confisca di…

“Ogni mattina a Jenin”: un romanzo d’amore
Letteratura

“Ogni mattina a Jenin”: un romanzo d’amore

“Ogni mattina a Jenin” è un romanzo storico in cui i personaggi sono inventati, ma calati in un’epoca passata della quale si ricostruiscono i fatti realmente accaduti. Insieme alla protagonista del nostro romanzo, Amal, e alla sua famiglia, intraprendiamo un viaggio nel tempo che ci permette di ripercorrere la storia del popolo palestinese dalla Nakba…

Turismo sostenibile? Il caso egiziano
Geografia

Turismo sostenibile? Il caso egiziano

Negli ultimi anni, e in particolar modo nell’ultimo decennio, la parola sostenibilità è sulle bocche di tutti: molteplici sono i discorsi incentrati sul cambiamento climatico, sappiamo quanto la plastica inquini i nostri oceani e lo spreco energetico impatti sul pianeta, o ancora di come le microplastiche provenienti dalle fibre tessili dei nostri vestiti si disperdano…

Un Eroe di Asghar Farhadi: il dubbio tra furbizia e ingenuità
Cinema

Un Eroe di Asghar Farhadi: il dubbio tra furbizia e ingenuità

Rahim Soltani sale i gradini di un’impalcatura molto alta situata nel sito archeologico di Naghsh-e rostam per dei lavori di restauro, a cinque chilometri da Persepolis: un movimento verticale lo riprende dal basso; a tratti possiamo vederlo salire le scale ma la maggior parte della sequenza sembra coperta da quel reticolo di impalcature, tubi e…

‘Nta Rajel? Tra femminismo, decolonialismo e diaspora
Focus

‘Nta Rajel? Tra femminismo, decolonialismo e diaspora

Con il nostro precedente articolo su “Femminismi e Medio Oriente” abbiamo cercato di raccontare esperienze tra loro molto diverse nel tentativo di introdurre il grande tema del femminismo decoloniale, senza tuttavia ridurne la complessità. Proseguendo in tale direzione, questo articolo si avvicina a una realtà più piccola, che offre un’immagine più puntuale e specifica di…

Paradise Now: il limbo tra la morte e la vita
Cinema

Paradise Now: il limbo tra la morte e la vita

L’opera che portò all’attenzione della critica internazionale Hany Abu-Assad (qui la recensione di The Idol), regista, sceneggiatore e produttore cinematografico palestinese, è un fascio di nervi: quello della società, quello di due popoli in una terra considerata troppo piccola per poter ospitare entrambi, quello dei suoi protagonisti, quello di un conflitto intrattabile. Due fratelli di…

Maroun Baghdadi: la morte di una promessa
Cinema Ritratti

Maroun Baghdadi: la morte di una promessa

Il cinema libanese dopo la fallimentare esperienza araba nella guerra dei sei giorni vive un profondo momento di crisi, l’Egitto esce pesantemente ridimensionato dal conflitto sia a livello politico che culturale: il Nasserismo infatti è il primo grande sconfitto della guerra e la sua propaganda smette di acquistare i film libanesi; ha così origine un…

Najla Aqdeir: una corsa ad ostacoli verso la cittadinanza
Ritratti

Najla Aqdeir: una corsa ad ostacoli verso la cittadinanza

Viene dalla Libia, ha 27 anni e vive in Italia da quando ne ha 11, è un’atleta professionista ma ancora non può indossare la maglia azzurra nelle competizioni internazionali, nonostante l’Italia sia il luogo dove ha studiato, lavorato e gareggiato da quindici anni a questa parte. La sua è una storia di riscatto, ostacolata da…

There Is No Evil: la vittoria della resistenza del cinema iraniano alla pena di morte
Cinema

There Is No Evil: la vittoria della resistenza del cinema iraniano alla pena di morte

Sheytan vojud nadarad (There Is No Evil, Il male non esiste) di Mohammad Rasoulof è il film che ha vinto l’Orso d’oro a Berlino nel 2020. A ritirare il premio però è stata la figlia Baran poiché al regista è vietato di uscire dall’Iran dal 2017, quando gli venne sequestrato il passaporto al ritorno dal…

Donne, sport e Islam
Focus

Donne, sport e Islam

“Ogni essere umano ha il diritto fondamentale all’educazione fisica, all’attività fisica e allo sport, senza discriminazione sulla base di origine etnica, genere, orientamento sessuale, lingua, religione, opinione politica o di altra natura, origine nazionale o sociale, economica o qualsiasi altra base” è quanto afferma la Carta internazionale per lo Sport dell’UNESCO, eppure resta evidente che…

Le lingue arabe
Etimologie

Le lingue arabe

“Con oltre duecento milioni di parlanti l’arabo è la lingua semitica attualmente più diffusa e insieme allo hindi è in quinta posizione fra le lingue più parlate nel mondo dopo il cinese, lo spagnolo, l’inglese e il portoghese”. (Mion 2015: 12) Arabizzazione e islamizzazione L’arabo è una lingua semitica. Della stessa famiglia fanno parte il…

Kafala System: una forma di schiavitù moderna?
Focus

Kafala System: una forma di schiavitù moderna?

Quando si parla di schiavitù moderna, diverse sono le immagini che balenano davanti agli occhi. Per chi vive in Italia, l’esempio forse più vicino e conosciuto è quello del sistema di caporalato, ormai diffuso in diverse regioni all’interno del settore agricolo. Altre immagini che potrebbero essere immediatamente richiamate da questo concetto riguardano bambini con borse…

The Idol – Una (troppo) semplice storia di emancipazione
Cinema

The Idol – Una (troppo) semplice storia di emancipazione

Il regista, sceneggiatore e produttore palestinese Hany Abu-Assad ci prova ma non riesce. Dopo gli ottimi Paradise Now e Omar, con The Idol racconta una storia teoricamente potente ma vista troppe volte e sempre nello stesso modo per non risultare piatta. La storia è quella vera di Mohammed Assaf (qui un suo video musicale), giovane…

Imran Khan: un playboy alla corte dei Talebani
Ritratti

Imran Khan: un playboy alla corte dei Talebani

Quando leggendo Sette, l’inserto del Corriere della Sera in uscita al venerdì, mi sono imbattuto in un articolo di Andrea Nicastro che raccontava la parabola politica del Primo Ministro pachistano Imran Khan, ho capito che una storia del genere non si poteva non raccontare. Nato da una famiglia dell’élite post coloniale pachistana e profondamente legata…

Nel mare ci sono i coccodrilli: la storia di Enaitollah Akbari
Letteratura

Nel mare ci sono i coccodrilli: la storia di Enaitollah Akbari

“Nel mare ci sono i coccodrilli” è un romanzo scritto da Fabio Geda e pubblicato nel 2021 dalla casa editrice Dalai Editore. Il protagonista del romanzo è Enaiatollah Akbari, un ragazzo afghano di etnia Hazara che, lasciato dalla madre in Pakistan, intraprende un lungo viaggio che lo condurrà in Italia, precisamente a Torino, passando per…

Clash – Mohamed Diab: l’Egitto in una camionetta della polizia
Cinema

Clash – Mohamed Diab: l’Egitto in una camionetta della polizia

Il cinema egiziano soffre da molti anni, almeno trenta, di una condizione di povertà creativa e ripiegamento su sé stesso; portando avanti produzioni mediocri che spesso sprofondano sotto il loro stesso peso, l’industria cinematografica egiziana è probabilmente oggi la brutta copia di sé stessa. È in questo contesto che il regista Mohamed Diab scrive e…

Sahrawi: abitanti del deserto?
Geografia

Sahrawi: abitanti del deserto?

Nell’ottobre 2010 un gruppo di Sahrawi allestì il campo di Gdeim Izik, a 12 km dalla città di El Aaiún, capitale del Sahara Occidentale. Il Sahara Occidentale è un territorio desertico sulla costa atlantica dell’Africa, incastonato fra il Marocco e la Mauritania.Nel giro di poche settimane la protesta si incendiò, fino a coinvolgere qualche migliaio…

Shamsia Hassani: la prima street artist afghana
Arte Ritratti

Shamsia Hassani: la prima street artist afghana

Shamsia Hassani è una street artist afgana ormai diventata famosa nel mondo dei social grazie ai suoi graffiti in cui racconta la condizione delle donne afghane. Le sue opere sono intrise di grandi messaggi volti a mostrare che le donne afghane vogliono essere libere, nonostante l’Afghanistan sia stato definito uno dei paesi più pericolosi al…

Viaggio a Kandahar: le testimonianze lungo il confine tra finzione e realtà di Mohsen Makhmalbaf
Cinema

Viaggio a Kandahar: le testimonianze lungo il confine tra finzione e realtà di Mohsen Makhmalbaf

Vi ricordate il protagonista di Close Up che nel 1990 si spacciava per il noto regista Mohsen Makhmalbaf nel film scritto e diretto da Kiarostami? È proprio lui, Makhmalbaf, che ritroviamo questa volta in carne ed ossa nella direzione di Viaggio a Kandahar del 2001, portato sul grande schermo durante una delle crisi più acute…

1982 – Oualid Mouaness e la sua guerra civile
Cinema

1982 – Oualid Mouaness e la sua guerra civile

Il primo lungometraggio da regista di Oualid Mouaness dipinge uno spaccato della società libanese gravitante attorno a una scuola: è il 1982, la guerra civile sta raggiungendo il suo apice di recrudescenza e la paura di un imminente attacco da parte di Israele appesta il cielo ricercato spasmodicamente dalle inquadrature del regista. Wissam è un…

I 5 pilastri dell’Islam
Focus

I 5 pilastri dell’Islam

I pilastri dell’Islam, in arabo arkan, sono cinque: la shahada (professione di fede), la salat (preghiera), la zakat (elemosina rituale), il sawn o siyan (digiugno del mese di ramadan) e l’hajj (pellegrinaggio alla Mecca). Questi sono chiamati gli atti del culto (ibadat) e devono essere rispettati da tutti i fedeli che ne abbiano le possibilità….

Mashrou’ Leila: la voce scomoda del Libano
Musica

Mashrou’ Leila: la voce scomoda del Libano

I Mashrou’ Leila (مشروع ليلى) sono un gruppo musicale libanese nato nel 2008 a Beirut. I membri del complesso, che ha avuto diverse evoluzioni nella sua formazione, si sono conosciuti in contesto universitario, nell’Università Americana di Beirut. Attualmente i membri ufficiali della band sono quattro: Hamed Sinnoh, Haig Papazian, Carl Gerges e Firas Abou Fakher….

Storie di sport pt. 3 – Il Qatar: lo sport come “soft” power
Focus

Storie di sport pt. 3 – Il Qatar: lo sport come “soft” power

Alle ultime Olimpiadi estive il Qatar ha vinto due ori e un bronzo, quello che fa strano però è che né il pesista Faris Ibrahim El-Bakh, né la coppia prima del ranking mondiale del beach volley e medaglia di bronzo olimpica Cherif Younousse e Ahmed Tijan, sono nati in Qatar. Solo il saltatore e Mutaz…

Storie di sport pt. 2 – Yusra Mardini: quando partecipare conta più che vincere
Ritratti

Storie di sport pt. 2 – Yusra Mardini: quando partecipare conta più che vincere

5 marzo 1998, nasce a Damasco una giovane nuotatrice siriana. 15 marzo 2011, scoppia la guerra civile siriana. Yusra ha ormai 13 anni e nuota da dieci, è una giovane promessa del nuoto siriano ma la guerra la costringe a crescere prima del tempo: la casa della sua famiglia viene completamente distrutta, la piscina dove…

Storie di sport pt.1 – Ahmed Hafnaoui: un oro inaspettato
Ritratti

Storie di sport pt.1 – Ahmed Hafnaoui: un oro inaspettato

Quante volte avete sentito dire che “i neri non sanno nuotare” o che “non ci sono nuotatori di colore”? Beh, queste affermazioni che filtrano stereotipi fin troppo diffusi verranno smontante non attraverso le prossime righe, ma tramite la storia di Ahmed Hafnaoui, un 2002 spuntato dal nulla ma in grado di vincere un oro olimpico….

El Cid: un’immersione nella Spagna di medievale
Cinema

El Cid: un’immersione nella Spagna di medievale

El Cid è una serie televisiva prodotta e diffusa da Amazon Prime Video che racconta le gesta e la vita di Rodrigo Díaz de Vivar, personaggio epico della tradizione spagnola e consolidato nella cultura del Paese: si tratta infatti dello stesso Cid protagonista del poema epico El cantar de mio Cid (il Poema del mio…

Henné: una pianta dai mille usi
Focus

Henné: una pianta dai mille usi

L’henné (in arabo الحناء) è il nome comune di una pianta, la lawsonia inermis, conosciuta per le sue innumerevoli proprietà e i diversi utilizzi cui si può prestare. Particolarmente conosciute sono le sue capacità tintorie: con un impasto di henné si possono realizzare tatuaggi temporanei, oltre a colorare barba e capelli. Tuttavia, questi non sono…

“The Present”: uno sguardo sulla quotidianità palestinese
Cinema

“The Present”: uno sguardo sulla quotidianità palestinese

The Present è un cortometraggio di 24 minuti disponibile sulla piattaforma Netflix che ci racconta le conseguenze drammatiche del conflitto arabo israeliano sulla quotidianità di una famiglia palestinese. Quest’ultima rappresenta infatti un microcosmo che riflette una realtà più vasta che accomuna la maggior parte dei palestinesi residenti in Cisgiordania. Il cortometraggio della regista britannico-palestinese Farah…

Helem: la prima organizzazione per i diritti LGBT+ in Medio Oriente
Focus

Helem: la prima organizzazione per i diritti LGBT+ in Medio Oriente

Helem è un’organizzazione non governativa libanese che si occupa della protezione dei membri della comunità LGBT+ in Libano, con sede in Québec; lavora tra il Canada e il Libano, ma ha costruito dei gruppi di supporto anche in Australia, Francia e Stati Uniti. È la prima organizzazione a favore dei diritti della comunità queer che…

The man who sold his skin – L’arte tra libertà e prigionia
Cinema

The man who sold his skin – L’arte tra libertà e prigionia

Kaouther Ben Hania, dopo aver attirato l’attenzione della critica internazionale col suo film precedente La bella e la Bestia, ottiene la consacrazione internazionale col superbo lungometraggio The man who sold his skin, un film che la porterà ad essere candidata agli Academy Awards del 2021. Sam è un giovane siriano innamorato di Abeer, che pur…

Le radici del Sufismo o “misticismo islamico”
Focus

Le radici del Sufismo o “misticismo islamico”

Il sufismo è la corrente mistica dell’Islam e chi lo pratica viene definito sufi. I sufi sono persone che decidono di dedicare una parte fondamentale della loro vita alla ricerca di Dio e del percorso migliore per giungere fino a lui generalmente sotto la guida di un maestro. Il termine sufismo viene riportato alla parola…

Ali Shehadeh : il salvataggio dei semi del futuro
Focus

Ali Shehadeh : il salvataggio dei semi del futuro

Avreste mai pensato che il futuro di gran parte della popolazione mondiale potesse in parte dipendere da alcuni semi in grado di sopravvivere, crescere e proliferare in condizioni di siccità? E che la guerra in Siria scoppiata nel 2011 a seguito della primavera araba stava portando alla loro distruzione? Nonostante sembri l’inizio di un’avvincente fiction…

Le rondini di Kabul: una tragedia afghana dalle tinte pastello
Cinema

Le rondini di Kabul: una tragedia afghana dalle tinte pastello

Il romanzo di Yasmina Khadra diventa uno straordinario e originale film d’animazione diretto da Zabou Breitman e Eléa Gobbé-Mévellec. La sceneggiatura adatta l’omonima storia, immensamente tragica, ambientata nell’estate del 1998 in una Kabul sotto il dominio talebano armato, intransigente e assetato di potere che cerca in qualsiasi modo di terrorizzare la popolazione manipolando le comunicazioni,…

Nadia Murad: “Non vogliamo compassione, vogliamo giustizia”
Ritratti

Nadia Murad: “Non vogliamo compassione, vogliamo giustizia”

«Vi ringrazio molto per questo onore, ma gli unici premi al mondo che potrebbero mai ripristinare la nostra dignità sono la giustizia per noi e il processo per i criminali». È il 2018 e Nadia Murad, una giovane donna di venticinque anni, è la prima irachena a vincere il premio Nobel per la pace. Nadia…

Gli yazidi: vittime di un genocidio violento e silenzioso
Focus

Gli yazidi: vittime di un genocidio violento e silenzioso

Chi sono? Gli yazidi sono un gruppo di etnia curda che professa una religione poco conosciuta, lo yazidismo. Abitano principalmente le regioni settentrionali dell’odierno Iraq, avendo come luogo sacro il monte Sinjar e come principale centro urbano l’omonima cittadina al confine con la Siria. Le stime su quanti siano gli yazidi oscillano vertiginosamente, complici i…

Close Up di Abbas Kiarostami: l’innocenza dell’inganno
Cinema

Close Up di Abbas Kiarostami: l’innocenza dell’inganno

«Ogni film bello che guardo mi fa rinascere» dice Hossain Sabzian seduto al centro del sofà di casa Ahankhah. Ed è effettivamente una sorta di rinascita quella che si prova dopo aver visto Close Up di Abbas Kiarostami, un’opera maestra che gli fece vincere il premio Roberto Rossellini nel 1992 a Cannes. La trama è…

“Non ci sono coltelli nelle cucine di questa città”: la narrazione di una Aleppo che si deteriora
Letteratura

“Non ci sono coltelli nelle cucine di questa città”: la narrazione di una Aleppo che si deteriora

“Non ci sono coltelli nelle cucine di questa città” è la quarta pubblicazione di Khaled Khalifa, del 2013, tradotta in italiano solo nel 2018. L’autore, siriano, nato nel 1964, anno nel quale avvenne il colpo di stato da parte del partito Ba’ath in Siria, scrive un’opera che si incentra sulla descrizione e sul modo in…

L’insulto – Ziad Doueiri: La prima volta del Libano
Cinema

L’insulto – Ziad Doueiri: La prima volta del Libano

Mai nella storia del cinema libanese un film aveva raggiunto la nomination agli Academy Awards (i Premi Oscar), mai prima del secondo film strettamente libanese di Ziad Doueiri. Il regista torna a raccontare la sua terra natia e lo fa a vent’anni di distanza dal suo folgorante debutto con West Beirut (lo abbiamo recensito qui);…

Lo straniero di Albert Camus: un dramma umano e universale
Letteratura

Lo straniero di Albert Camus: un dramma umano e universale

Il libro Quando si legge “Lo straniero” bisogna lasciarsi alle spalle tutto: a partire dalla concezione di cosa sia una storia, fino alla propria idea di quale sia una vita degna di essere vissuta, passando per ciò che si considera umano o disumano. “Lo straniero” è un viaggio sensoriale attraverso un’esistenza irrilevante in una maniera…

Il sistema politico iraniano: lo stato duale e le contrapposizioni politiche
Focus

Il sistema politico iraniano: lo stato duale e le contrapposizioni politiche

Proseguiamo il programma che avevamo pensato in vista delle elezioni presidenziali in Iran che si terranno il prossimo 18 giugno. Dopo aver parlato delle sanzioni (trovi l’articolo qui) ci concentriamo in questo secondo appuntamento sul sistema politico iraniano, molto più complesso di quanto possa apparire. Lo “stato duale” Prima di concentrarci sul panorama politico iraniano…

Non conosci Papicha: un’Algeria femminile, coraggiosa, tormentata
Cinema

Non conosci Papicha: un’Algeria femminile, coraggiosa, tormentata

“In fondo, l’Algeria è un’enorme sala d’attesa!” Questa frase, pronunciata da uno dei protagonisti di “Non conosci Papicha”, rappresenta bene l’atmosfera in cui l’Algeria degli anni ’90 si trovava immersa e, con lei, tutta una generazione di giovani. Le protagoniste del film hanno vent’anni in un’Algeria immobilizzata dalla guerra civile, presa in stallo dalle milizie…

L’arte della contestazione di Nawal al-Saadawi
Ritratti

L’arte della contestazione di Nawal al-Saadawi

Scrittrice, attivista, donna, egiziana, araba, sovversiva, eretica. Tanti i tentativi di trovare con una manciata di aggettivi la definizione perfetta per Nawal al-Saadawi. Eppure nessuno di questi sembra calzare a pennello, cogliere tutte le sfumature di una figura così poliedrica come la sua. In un’intervista[1] rilasciata nel corso di sei mesi tra il 2007 e…

El Seed: l’arte dei calligraffiti
Arte Ritratti

El Seed: l’arte dei calligraffiti

Ondeggiante, elegante, sacra, intrisa di alto valore estetico, la calligrafia araba è da sempre utilizzata come importante elemento decorativo, soprattutto nei luoghi sacri della tradizione islamica. El seed, rendendo protagonista delle sue opere questa scrittura così raffinata, è riuscito a sacralizzare non solo la sua forma d’arte ma anche i luoghi in cui le sue…

Il giardino di limoni: la Palestina stereotipata vista da un israeliano
Cinema

Il giardino di limoni: la Palestina stereotipata vista da un israeliano

Parlare e raccontare la Palestina è sempre difficile, lo sanno bene gli analisti politici, gli storici e gli artisti che la vivono o la raccontano; chi invece non sembra curarsi di tutto ciò e dispensa giudizi tagliati con l’accetta è Eran Riklis che col suo film Il giardino di limoni (شجرة ليمون in arabo e…

Sanzioni in Iran: come funzionano? Quali prospettive?
Focus

Sanzioni in Iran: come funzionano? Quali prospettive?

Molto spesso quando si parla di sanzioni si tende ad analizzare gli sviluppi della vicenda, in questo caso quella iraniana-statunitense, dando per scontate notevoli informazioni teoriche riguardo l’utilizzo di strumenti economici in politica estera. Questo però non rende giustizia alla complessità del tema delle sanzioni e non aiuta a capire perché molto spesso si scelgano…

Beirut, la vie en rose: il Medio Oriente svizzero dell’élite cristiana. Un film di Eric Mòtjer
Cinema

Beirut, la vie en rose: il Medio Oriente svizzero dell’élite cristiana. Un film di Eric Mòtjer

Il Libano è considerato uno dei terrirori in cui vige un’instabilità politica ed economica che non si è mai assestata. Beirut, la vie en Rose è un documentario del 2019 di produzione libanese e spagnola che entra nell’intimità della routine dell’élite cristiana maronita contemporanea che vive a Beirut da generazioni: mostra spaccati di vita quotidiana,…

Caramel – Nadine Labaki: cinema al femminile
Cinema

Caramel – Nadine Labaki: cinema al femminile

Tre giovani estetiste, una donna che ha paura di invecchiare, un’anziana sarta e un quartiere popolare di Beirut. Così si potrebbe riassumere il film d’esordio alla regia di Nadine Labaki. È il 2007 quando la regista debutta con Caramel (سكر بنات, caramello in arabo: usato in Medio Oriente come tecnica di epilazione) un film al…

“Primavere rosa: rivoluzioni e donne in Medio Oriente” – Anna Vanzan
Letteratura

“Primavere rosa: rivoluzioni e donne in Medio Oriente” – Anna Vanzan

Nel suo “Primavere rosa”, pubblicato nel 2013, l’iranista e islamista Anna Vanzan esprimeva la sua difficoltà a definire con certezza le conseguenze che le primavere arabe avrebbero avuto sui paesi coinvolti. Ancora oggi, a un decennio dal giorno in cui un venditore ambulante tunisino si diede fuoco per protesta, scatenando rivolte a catena in molti…

Femminismi e Medio Oriente
Focus

Femminismi e Medio Oriente

Noi non siamo musulmane, né abbiamo origini mediorientali. Non siamo le protagoniste di questo articolo. Il lavoro che segue non ha alcuna pretesa di dare risposte, perché noi, in primis, non ne abbiamo; ma soprattutto perché non vogliamo tracciare contorni definiti a una realtà che abbiamo solo potuto leggere e scoprire, senza viverla in prima…

La bicicletta verde: femminile, singolare e prevedibile. Un film di Haifaa Al-Mansour
Cinema

La bicicletta verde: femminile, singolare e prevedibile. Un film di Haifaa Al-Mansour

La bicicletta verde è una pellicola del 2012 che ha fatto parlare di sé ancor prima di uscire per essere stata l’opera prima di una regista saudita: Haifaa Al-Mansour. La sinossi del film si muove tra i muri e le vie di un quartirere in cui sin dalle prime scene vediamo spostarsi la giovanissima protagonista…

Nadeen Ashraf: @assaultpolice e il #MeToo egiziano
Ritratti

Nadeen Ashraf: @assaultpolice e il #MeToo egiziano

Nadeen Ashraf è una studentessa egiziana e il suo nome non compare nei libri di storia. Non ancora. Nasce al Cairo nel 1998 e cresce in un condominio nella parte est della città, insieme a una famiglia che non si definisce attiva politicamente. Nonostante sia rimasta a casa durante le primavere arabe e anche quando…

The Dissident – Uccisione e censura saudita a Jamal Khashioggi
Cinema

The Dissident – Uccisione e censura saudita a Jamal Khashioggi

È uscito lo scorso 12 febbraio su piattaforma digitale il nuovo documentario di Bryan Fogel, regista che con Icarus nel 2018 vinse l’Oscar al miglior documentario. Se con il primo film Fogel si era concentrato sul caso di doping interno alla federazione olimpica russa, vicenda che portò alla sospensione della Russia dalla partecipazione alle olimpiadi…

Il blues del deserto: gli accordi ribelli e resistenti dei tuareg
Musica

Il blues del deserto: gli accordi ribelli e resistenti dei tuareg

Bombino e i Tinariwen hanno conquistato il pubblico internazionale con le loro chitarre elettriche all’insegna di libertà e indipendenza; i Tartit invece si formarono in un campo profughi del Burkina Faso e la loro musica, pur non avendo abbracciato le note rock occidentali, ha sempre avuto un’eco persistente e resistente, insieme agli altri, per la…

I Berberi: uomini e donne liberi?
Geografia

I Berberi: uomini e donne liberi?

Cosa hanno in comune il calciatore francese Zinédine Zidane, il mito di “Amore e Psiche” e il filosofo e vescovo Sant’Agostino? Una sola cosa: sono tutti di origine berbera. I genitori del calciatore marsigliese sono infatti berberi dell’Algeria, uno fra i paesi con la maggior percentuale di popolazione indigena insieme al Marocco. Apuleio, l’autore di…

Mosul – War movie in Iraq
Cinema

Mosul – War movie in Iraq

Un regista statunitense, una produzione statunitense (dei fratelli Russo, già registi di molti film della Marvel) in un film ambientato in Iraq e recitato in arabo. Potrebbe sembrare strano ma è così. Il film racconta una missione segreta della Nineveh SWAT Team, un’unità d’élite della polizia irachena alle prese con una missione misteriosa. Il lungometraggio…

Sama’ Abdulhadi: prima dj donna palestinese
Musica Ritratti

Sama’ Abdulhadi: prima dj donna palestinese

Non parlo di politica, io sono già un messaggio: sono una donna palestinese che fa la dj. Sama’ Abdulhadi, prima dj donna palestinese, è l’esempio perfetto di come la musica possa costruire ponti, collegare anime, rompere stereotipi. È nata in Giordania in una famiglia di rifugiati palestinesi. Dopo gli accordi di Oslo del 1993 sono…

“La prova del miele” di Salwa al-Neimi
Letteratura

“La prova del miele” di Salwa al-Neimi

“Per me l’arabo è la lingua del sesso”: ecco una delle tante affermazioni provocatorie con cui esordisce la protagonista di questo libro, un best seller erotico mediorientale. Attraverso una comunicazione diretta e coinvolgente, senza pudori o perifrasi, ci viene raccontato di Sesso e Islam, due parole che lette in sequenza potrebbero apparire come un ossimoro…

Dov’è la casa del mio amico: la poesia in pellicola di Abbas Kiarostami
Cinema

Dov’è la casa del mio amico: la poesia in pellicola di Abbas Kiarostami

Non è una novità: il cinema iraniano ha sempre avuto un debole per il Neorealismo italiano e mentre negli anni Ottanta (anni del lungo conflitto fra Iran e Iraq) la maggior parte dei film di produzione iraniana erano di guerra o di propaganda, Abbas Kiarostami ha voluto mettere in scena la “poesia del cinema”, poesia…

I grandi “ma” del colonialismo italiano
Storia

I grandi “ma” del colonialismo italiano

Parlare di colonialismo italiano ha sempre avuto a che fare con un sapiente utilizzo delle avversative. L’Italia ha partecipato alla spartizione dell’Africa, ma la Francia ha fatto di peggio. Certo, vi è un contenzioso tra Etiopia e Italia per i danni subiti dalla dominazione coloniale italiana, ma l’esperienza coloniale è frutto del fascismo, quindi non…

Bosta – Philippe Aractingi: un film libanese al 100%
Cinema

Bosta – Philippe Aractingi: un film libanese al 100%

Nel 1989 il regista Philippe Aractingi scrive un film che però vedrà la luce solamente nel 2005, quel film è Bosta (بوسطة Autobus in arabo), si tratta di un musical che racconta la storia di alcuni giovani e amici d’infanzia che dopo anni si ritrovano a viaggiare per il Libano a bordo di un vecchio…

La triste satira di Balaha
Musica

La triste satira di Balaha

Ramy Essam è un artista rock egiziano divenuto il simbolo delle proteste egiziane del 2011: in quell’anno il giovane cantautore si esibisce davanti a milioni di manifestanti in Piazza Tahrir, diventando la voce del popolo che chiede le dimissioni del presidente Hosni Mubarak. La canzone simbolo di quelle proteste è Irhal (Vattene), e a oggi…

“La dittatura” di ‘Ala Al-Aswani: l’analisi della malattia
Letteratura

“La dittatura” di ‘Ala Al-Aswani: l’analisi della malattia

L’opera del 2020 “La dittatura – Racconto di una sindrome” è la più recente uscita di ‘Ala al-Aswani, autore egiziano che espone nel testo gli elementi che vanno a definire la dittatura. Il tema del testo è facilmente comprensibile sin dall’inizio, attraverso una scelta stilistica che vede lo sviluppo del testo in maniera lineare: l’instaurazione…

Mattone e specchio: lo splendido buio di Ebrahim Golestan
Cinema

Mattone e specchio: lo splendido buio di Ebrahim Golestan

Alcune riviste di critica cinematografica lo definiscono il primo capolavoro moderno del cinema iraniano. Il titolo originale, Khesht va Ayeneh – خشت و آینه , riprende le parole di una poesia di Farid al-Din Attar: “Ciò che i vecchi vedono in un mattone, i giovani vedono in uno specchio”. Questo è il primo film di…

Ibn Battuta, viaggiatore instancabile
Ritratti Storia

Ibn Battuta, viaggiatore instancabile

Il personaggio di Ibn Battuta è senz’altro uno dei più interessanti e conosciuti del mondo arabo.La sua notorietà è collegata alla sua vita peculiare ed emblematica, caratterizzata da anni di viaggi e di contatti con decine di popolazioni differenti. Ibn Battuta nacque a Tangeri, in Marocco, all’inizio del XIV secolo in una famiglia di giudici…

West Beirut – Ziad Doueiri: La rinascita del cinema libanese
Cinema

West Beirut – Ziad Doueiri: La rinascita del cinema libanese

È il 1998 quando Ziad Doueiri, giovane regista libanese, abbandona le riprese del film di Quentin Tarantino Jackie Brown a soli due giorni dal termine. Ha appena ottenuto i fondi necessari per poter girare il suo primo film: è proprio a Beirut che girerà un film essenziale per comprendere il cinema libanese contemporaneo. La storia…

Medio Oriente: الشرق الأوسط
Uncategorized

Medio Oriente: الشرق الأوسط

Le false credenze di vecchia data radicalizzate nella nostra cultura, una conoscenza superficiale dell’argomento e le narrazioni incomplete, se non addirittura fasulle, elaborate da alcuni media, sono i fattori che portano a rivolgere verso il Medio Oriente uno sguardo colmo di pregiudizi. Ciò che ci ha spinto ad avviare questo progetto è la volontà di…